Home Page » Documentazione » Notizie dal Comune » Opere antierosione a Pineto, stop del Comitato Via della Regione Abruzzo al nuovo progetto per difformità rispetto al Piano di Difesa della Costa e Carenza di studi

Notizie dal Comune

Opere antierosione a Pineto, stop del Comitato Via della Regione Abruzzo al nuovo progetto per difformità rispetto al Piano di Difesa della Costa e Carenza di studi
COMUNICATO STAMPA
21-01-2022

PINETO. Il progetto proposto dal Genio Civile di Teramo e dai tecnici incaricati si discosta dal Piano di Difesa della Costa, approvato dalla stessa Regione Abruzzo, ed è carente negli studi: con queste motivazioni il Comitato di Coordinamento Regionale per la valutazione d’impatto ambientale ha rinviato il progetto relativo ai lavori antierosione proposti per la spiaggia di Pineto. I primi dubbi erano stati già espressi in data 22 novembre 2021, quando il Dipartimento Territorio Ambiente Servizio Valutazioni Ambientali della Regione, in fase di verifica della documentazione inviata aveva mosso le prime contestazioni richiedendo  integrazioni perché “i dati relativi alle dimensioni sia del ripascimento che della barriera sommersa riportati negli elaborati di V.A. e di V.Inc.A  e negli elaborati grafici sono discordanti in più punti: è necessario pertanto, sostituire la documentazione pubblicata con altra corretta di tutte le discordanze; Descrivere dettagliatamente le fasi di cantiere degli interventi previsti e i relativi impatti”. A rendere nota la notizia il Sindaco di Pineto, Robert Verrocchio, Comune che nei giorni scorsi aveva prodotto osservazioni a tutela della spiaggia e del litorale puntando a interventi in linea con il Piano regionale di difesa della Costa già approvato, da realizzarsi con un cronoprogramma ben delineato. Lo stesso Piano di difesa della Costa aveva concluso il proprio iter con l’approvazione in Consiglio Regionale a novembre 2021 e aveva ricevuto parere favorevole anche dell’Area Marina Protetta Torre del Cerrano: nonostante tutto si è provveduto il 3 dicembre 2021 a pubblicare un progetto di dettaglio per la spiaggia di Pineto difforme rispetto quanto previsto dal piano regionale. Osservazioni condivise dal Comitato Via che ha espresso il rinvio con le seguenti motivazioni: “Ricondurre le opere di progetto a congruenza con quanto previsto dal Piano di Difesa della Costa per l’unità fisiografica UF3 e integrare lo studio di Vinca”.

“È naturale che all’amministrazione comunale di Pineto – spiegano Verrocchio e il vicesindaco di Pineto con delega al demanio marittimo, Alberto Dell’Orletta – stia a cuore un intervento celere e risolutivo, ma la superficialità non ci appartiene. Sinceramente non capiamo il motivo per cui sia stato presentato un nuovo progetto per la spiaggia di Pineto difforme rispetto le prescrizioni del Piano Regionale di Difesa della Costa, provocando così ulteriori ritardi. Produrre osservazioni durante la procedura di assoggettabilità a VIA è un preciso compito per l’ente che rappresentiamo, nonostante questo nei giorni scorsi ci sono state strumentalizzazioni e polemiche inutili che hanno creato tensioni sul nostro territorio, ma ora è lo stesso Comitato Via Regionale a darci ragione. Noi abbiamo lavorato, investito soldi pubblici per predisporre un progetto di barriere che era dotato di tutti gli studi e completamente coerente con il Piano della Difesa della Costa regionale e frutto di una intesa con gli operatori, qualcuno ha deciso di cestinarlo. È stato conferito un nuovo incarico, ripartendo da capo producendo un progetto che non è stato ritenuto idoneo e per il quale abbiamo fatto notare che mancano studi sulle variazioni introdotte e che quanto ora stabilito non è compatibile né con il piano regionale di difesa della costa approvato il 25 novembre scorso né con il progetto di fattibilità redatto dal Comune lo scorso marzo”. 

“In Regione, evidentemente, la mano sinistra non sa quello che fa la mano destra – aggiunge il vice sindaco Dell’Orletta - tanto da aver reso necessaria una osservazione anche da parte degli stessi uffici regionali in linea con quella presentata dal nostro ente.  Evidentemente qualcuno (che dovrebbe spiegare perché ha fatto rifare un nuovo progetto visto che ce n’erano già due a disposizione e che dovrebbe soprattutto dire quanto ha speso per il terzo) non conosce ciò che il Consiglio Regionale aveva già approvato e deve qualche spiegazione ai cittadini”.