Home Page » Documentazione » Notizie dal Comune » Al via i lavori per centro aggregativo a Torre San Rocco di Pineto

Notizie dal Comune

Al via i lavori per centro aggregativo a Torre San Rocco di Pineto
Torre san Rocco rrocco
13-02-2019

PINETO. La frazione pinetese di Torre San Rocco presto avrà un centro aggregativo funzionale e accogliente per le varie esigenze della comunità. Sono stati, infatti, appaltati i lavori per la realizzazione di una struttura di circa 60 metri quadrati costituita da tre vani e un porticato che sarà realizzata nei pressi dei campi da calcetto e che avrà una importante funzione sociale per i residenti. Si tratta di una promessa mantenuta ai cittadini dato che, a seguito dei lavori di ristrutturazione della scuola, lo spazio che era adibito a questa funzione è venuto a mancare. I lavori, che verranno completati entro 60 giorni, sono stati affidati alla ditta Sorgentone Costruzioni di Casoli di Atri per un importo di 40 mila euro, provenienti da fondi Eni.



“Si tratta di una iniziativa importante – commenta l’assessore al Bilancio del Comune di Pineto, Claudio Mongia – tenendo conto anche dell’assenza di attività commerciali come negozi e bar e luoghi di ritrovo in questa località. Un progetto che va incontro alle necessità della comunità di poter avere uno spazio nel quale ritrovarsi per attività culturali e sociali. La struttura sarà, infatti, un luogo nel quale giovani e anziani di questa località, che conta poche centinaia di abitanti, potranno incontrarsi, riunirsi e vivere momenti sociali”.



“Un progetto importante – aggiunge il sindaco di Pineto, Robert Verrocchio – che tiene conto anche della distanza che c’è tra la frazione di Torre San Rocco e il centro abitato di Scerne di Pineto e che risponde, quindi, alle esigenze dei cittadini che abitano in questa località. Uno spazio per incontri pubblici, proiezione film, laboratori e molto altro a disposizione delle esigenze dei cittadini, un impegno che come amministrazione avevamo preso e che abbiamo portato avanti con impegno considerando il valore sociale di questi spazi”.

Condividi